In questo articolo vi voglio parlare del BlackFox Vesuvius, un buon coltello sottovalutato dai più, infatti nei circoli e nei forum degli amanti di coltelli, di outdoor e di buschcraft non se ne parla molto, solo qualche accenno, più nella sua Patria l’Italia, che all’estero dove è apprezzato da un certo numero di utenti ed intenditori. Infatti nel bel paese tra gli amatori si ricercano acciai particolari, più moderni inox o si apprezzano maggiormente gli acciai ad alto contenuto di carbonio, ma c’è da sapere che oltre alla qualità dell’acciaio altrettanto importante è il trattamento termico, composto da fusione, tempra e rinvenimento. Questo per capire che il Vesuvius a mio parere è poco conosciuto, sia perchè è uscito nel 2016 e quindi un modello che deve ancora essere provato sul campo per un tempo adeguato, sia perchè un pò l’acciaio 440c è più ben visto per la preparazione di coltelli chiudibili (folder) che di lame fisse , quando invece se ben trattato termicamente un coltello lama fissa full tang o hidden tang che sia, ha ottime doti meccaniche.

Il Vesuvius viene prodotto dalla ditta italiana Fox, sotto il brand della serie economica Black Fox, che di economico ha la produzione delle lame, interamente prodotte in Cina, ma questo non va a discapito della qualità, in quanto il procedimento è interamente controllato dalla casa italiana, questo le permette di mettere in commercio a prezzi competitivi lame di buona qualità.

Un’altra caratteristica del Vesuvius è quella di essere stato ideato e disegnato da Alfredo Doricchi, un affermato designer italiano, molto apprezzati i suoi coltelli, dopo aver disegnato il Vesuvius Doricchi se ne fa preparare un prototipo dal noto coltellinaio Stuart Mitchell e dopo un periodo di test ne propone la produzione, proposta raccolta dalla Fox che chiede una leggera modifica alla punta drop del coltello, che diviene più accuminata per aumentarne la capacità di penetrazione. Per saperne di più sul progetto Vesuvius vi rimando al blog di Alfredo.

Vediamo un pò di caratteristiche tecniche, il Vesuvius è un coltello full tang, cioè il cui codolo prosegue per tutta la lunghezza del manico, rendendo il coltello un pezzo unico e monolitico, la lama è in acciaio inox 440c, è ottimamente affilato e pronto all’uso appena uscito dalla scatola. la lunghezza della lama è di 105 millimetri , la lunghezza totale del coltello è di 220 millimetri, il peso di circa 240 grammi, le guancette del manico sono in G10 nero.

Il coltello imballato in una semplice scatola di cartone, viene fornito con un fodero in kydex ottimamente costruito e rifinito, ed un sistema di aggancio da poter utilizzare in cintura sia in orizzontale che in verticale.Nel fodero avvitato c’è anche un firesteel, un acciarino che sprigiona le giuste scintille se sfregato con il dorso della lama, per accendere un fuoco.Sul manico del coltello ci sono due cordini ad alta visibilità, che unitamente ai due fori nel manico possono essere utilizzati per legare il coltello ad un bastone e costruire una lancia od una fiocina in caso di bisogno.

Il Vesuvius, morde bene il legno e tiene il filo per lungo tempo, si riaffila abbastanza facilmente, ci vuole un pò di pazienza in più per renderlo a rasoio, non sfigura se messo al confronto con un altro prodotto italiano di qualità e costo superiore, il Lionsteel M4.

Alcuni recensori lo considerano il diretto rivale del Garberg prodotto dalla Morakniv, ma devo dire che il Garberg ha un manico più comodo anche se più brutto esteticamente, per il resto i due prodotti si equivalgono.

Il Vesuvius, si comporta bene sia che dobbiate fare del chopping, del batoning o che dobbiate intagliare un picchetto , un buon compagno per le uscite nei boschi.

Molti mi scrivono per chiedermi dei video , il tempo purtroppo è spesso tiranno, e girare i video, sopratutto quando si è fuori, poi passarli al computer e montarli richiede molto tempo, quindi posterò qui un primo video prova girato e montato con il cellulare, sarà molto basico quindi abbiate clemenza, ma per accontentare i lettori bisogna ben cominciare 😉 .

 

 

 

Questo articolo è stato letto 2953 volte !