Suntour SP12-NCX  Mountain Road Bike suspension

Suntour SP12-NCX Mountain Road Bike suspension

È sicuramente un prodotto di nicchia, e di questi prodotti ce ne sono di vari tipi, ma questo al costo attuale di circa 60 euro è sicuramente quello che ha il miglior rapporto costi prestazioni, supporta ciclisti dal peso tra i 60 ed i 100 kg. Ma l’ho visto usare senza problemi da persone con un peso di oltre 110 kg. Dal canto mio l’ho montato sulla mia e-bike elettrica, e la mia schiena ringrazia sentitamente, le asperità del terreno, piccole buche, tombini e qualsiasi altro sobbalzo, ora non sono un problema.

Il montaggio è semplice, assicuratevi però al momento dell’acquisto di prendere il modello con il giusto diametro per la vostra bicicletta, un altro dei vantaggi di questo prodotto è la lunghezza del tubo che raggiunge i 40 cm. Mentre solitamente questi prodotti hanno lunghezze inferiori, rendendo problematico l’uso per chi ha la gamba lunga.

Inserite il tubo nel canotto sella del telaio, regolate l’altezza voluta e quindi fissate la sella , semplice e veloce, potete poi dopo averlo provato, regolare la durezza dell’ammortizzazione, per farlo, sfilatelo dal telaio e regolate la vite posta a fine rubo.

Vi posto un video fatto da altri, per capire come funziona, vi garantisco che la vostra bicicletta, sia che sia un modello da passeggio che un modello agonistico, raggiungerà un elevato grado di confort per la schiena e per il “fondo”schiena.

PS: montate il tubo nel verso giusto, se montate l’ammortizzatore al contrario non funzionerà .

 

Chi è Melckitsedek?

Chi è Melckitsedek?

Melchitsedec (Melki-Tsedeq, oppure, Melkisedec o Melchizedek) è un personaggio molto misterioso, menzionato in alcuni passaggi dei Testi Sacri come la Bibbia ed i vangeli, ma anche in una pergamena tra quelle ritrovate a Qumran .

Il “nome di Melkhitsedek significa “re di giustizia”, dall’ebraico “melek” (re) e “tsedek” (giustizia). Quanto al nome della città di cui era re, Salem, esso ha la stessa radice della parola “schalom” (pace). Melkhitsedek è il re della giustizia e della pace qundi e molte storie antiche e leggende ci dicono che un tale re non è altro che il Re del Mondo.

La Sua importanza diventa straordinaria se fosse vera la presunzione  che Gesù e Abramo appartenevano all’ordine di Melkisedec e che egli “è senza padre, senza madre, senza genealogia, senza principio di giorni né fine di vita, fatto simile al Figlio di Dio e rimane sacerdote in eterno”.

Anche Omraam Mikhaël Aïvanhov ne parla con grande devozione e ammirazione in più punti delle sue opere. Consiglio per chi volesse approfondire tra le altre, la lettura del libro “Commento all’Apocalisse” – cap.3 “Melkisedek e l’insegnamento dei due principi”. La figura di Melckisedec è richiamata non solo nella Genesi, nei Vangeli e nelle Lettere di S.Paolo, ma anche nell’Apocalisse di S. Giovanni.

Di lui non si sa praticamente nulla e questo ha fatto si che entrasse nella leggenda, tanto da divenire un personaggio importante in molte leggende e antiche tradizioni: Melkisedec è anche rappresentato come “il Re del Mondo”, il Sovrano della Terra dei Viventi. In tutte le tradizioni si fa riferimento all’esistenza di una terra paradisiaca (Agharta, Shamballa etc) governata da un Sovrano Pontefice, re di Giustizia e di Pace (R. Guenon in il Re del Mondo, Cap. VI – MelkiTsedeq). Anche Alice Bailey nelle sua opera “Il destino delle Nazioni” pone Melchisedec al vertice della comunità di Shamballa con i seguenti appellativi: “Sanat Kumara, il Signore del Mondo, l’Antico dei Giorni”. Sul significato dell’espressione “Terra dei Viventi” menzionata nei Salmi (“Io camminerò davanti all’Eterno, sulla Terra dei Viventi”.)

In pratica, l’attributo “Re del mondo” attesta il Suo ruolo (nascosto, celato ma attivo) sulla Terra quale rappresentante in perpetuo della Divinità a garanzia della Creazione, a garanzia del divino che è nell’uomo. Una missione, dunque, concreta e di grande aiuto per l’umanità: la fiamma del divino che, malgrado la storia umana, si mantiene sempre viva e forte per spingere l’umanità a realizzare sulla Terra il regno di Dio e la Sua giustizia.Melkisedec per riassumere conserva la fiamma divina nel mondo, conserva e promuove le vibrazioni del Divino nel mondo fino alla completa realizzazione.

I Padri della Chiesa associarono la sua figura all’immagine del Cristo, ed identificarono Salem con Gerusalemme. Melckisedek era il modello biblico del sacerdote: “Infatti è Lui del quale Si è profetizzato  ed è stato scritto: «Tu sei sacerdote in eterno al modo di Melckisedec»: cioè non al modo di Aronne, il cui sacerdozio, propagandosi attraverso la generazione, appartiene a un ministero temporaneo, e di fatto è cessato insieme alla legge del Vecchio Testamento; ma al modo di Melckisedec in cui si significò prima la figura del pontefice eterno. E siccome non viene riferito da quali genitori sia nato, si comprende che in lui è mostrato quegli la cui generazione non può narrarsi. Così, pervenendo all’umana natura il mistero di questo divin sacerdozio, non si propaga per via della generazione, né viene eletto quel che la carne e il sangue ha formato. E’ cessato il privilegio dei padri; è abolita la gerarchia delle famiglie: la Chiesa riceve come pastori quelli che lo Spirito santo ha preparato. In tal modo, nel popolo, adottato alla figliolanza divina, totalmente sacerdotale e regale, non ottengono l’unzione i privilegiati dall’origine terrena, ma fa nascere il sacerdozio il favore della grazia celeste.

La legge mosaica vietava ai Re di Israele di essere anche sommi sacerdoti, compito riservato ai leviti, con una provata discendenza (Neemia 7:61-65). Tuttavia, Dio nomina Re Davide, quale sommo sacerdote alla maniera di Melchisedek (Genesi 14:18-20; Salmo 110:4).

Il salmo 110 viene citato da Paolo in Ebrei 9, con un secondo significato profetico, oltreché storico. Il sacerdote ordinato dal Signore secondo Melchisedek non è solo Re Davide (che trascrisse il Salmo), ma anche Gesù Cristo Dio, suo ultimo discendente (il Germoglio di Davide, il Leone della tribù di Giuda).

È interessante capire e notare  come Melchisedec abbia offerto pane e vino al Signore, come fece Gesù nell’ultima cena istituendo l’eucaristia secondo i Vangeli. Melchisedec assunse un posto primario nel pensiero monoteistico e cristiano: egli è l’archetipo (figura) che precede Gesù Cristo, nelle sue funzioni di sacerdote (Gesù Cristo viene definito nella lettera agli Ebrei “Sacerdote in eterno dell’Ordine di Melchisedec”) e anche per indicare la seconda venuta del Signore Cristo che ritorna come Re dei re, cioè Re in eterno secondo l’ordine di Melchisedec.

Quindi personaggio misterioso o personaggio sacro? A quanto pare riveste entrambi i ruoli sebbene si sappia poco o niente di lui e della sua vita , ma molti studi sono avviati e nuove scoperte potrebbero svelarci qualcosa in più, non ultima un’intera pergamena a lui dedicata ritrovata a Qumran.

 

Lionsteel Kur Wood

Lionsteel Kur Wood

Non starò qui a descrivervi tutte le caratteristiche e il comportamento di questo ottimo folder, potete trovare tutto nella mia precedente recensione riguardante la versione con guancette in G10 qui

Vi descrivo quello che differisce dal fratello con manico in G10, innanzitutto una maggior dimensione delle cartelle, le quali brunite creano un accostamento con le guancette in legno spettacolare, ancora di più in questa versione ulivo, ma il contrasto è bello anche nelle altre essenze, cioè noce e santos.

Un altra variazione a scelta che si può avere, come la si può avere sul modello con manico in G10 è quella della copertura della lama, che nel caso del modello ulivo risalta ancora di più forma e bellezza dell’insieme, e anch’io che in genere non amo le lame coperte non ho potuto che arrendermi a questa bellezza di insieme.

 

Sono sincero quando dico che già prima era un folder indovinato sia esteticamente che funzionalmente, ora in questa versione wood, il Kur diventa sicuramente un coltello da avere, un gentleman robusto e funzionale, per tutti gli usi senza rinunciare alla bellezza e signorilità dell’oggetto.

Un altra miglioria apportata è la possibilità di rimuovere il flip, e quindi dover usare le due mani per estrarre la lama, rendendolo portabile nelle nazioni europee dove il flip è vietato, come da noi sono vietati i coltelli a scatto od ad apertura automatica.

Un difetto glie l’ho trovato, ma non è un difetto del coltello in se, ma della casa costruttrice, in quanto il folder viene fornito senza clip per la tasca, ovviamente è fornito così per poterne apprezzare in pieno la sua esteticitá, ma questo è un coltello da usare, da vivere non sola da tenere in vetrinetta, quindi gentilmente Lionsteel fornitelo con la clip in confezione, sarà poi a discrezione dell’acquirente installarla o meno.

Detto questo ho segnalato la cosa alla Lionsteel è gentilmente mi hanno fornito una clip brunita, che ho provveduto ad installare e devo dire che anche con la clip il Kur Wood non perde nulla in bellezza, anzi potrebbe anche guadadnarne, ma ora lascio che oarlino i video, uno sul Kur Wood l’altro su come installare la clip, alla prossima!

 

Cimitero militare tedesco di Costermano sul Garda

Cimitero militare tedesco di Costermano sul Garda

Se siete per turismo, diporto o semplicemente di passaggio sul lago di Garda, sponda veronese, e volete passare qualche ora immersi nel verde e nella storia, potrete accedere gratuitamente al cimitero militare tedesco di Costermano sul Garda.

Qualcuno potrebbe obiettare, che ci azzecca una vacanza con un cimitero?

In realtà molto, visto che questo luogo è un vero e proprio parco verde, molto ben tenuto, nel quale è possibile passeggiare e immergersi nei fatti storici successi tra il 1940 ed il 1945.

Il parco cimiteriale fa parte di un circuito di cui troverete la mappa murale nel parco stesso, a disposizione di chi volesse fare una visita in tutto il nord Italia.

A secondo della stagione in cui vi recherete, potrete godere dei più svariati colori della natura, si possono anche avvistare uccelli come i picchi , falchi e poiane.

Non resta che lasciarvi al piccolo video che ho girato in un paio di visite al parco, buona visione.

Meteo & Radar per ios ed android

Meteo & Radar per ios ed android

Come richiesto comincio ad illustrare una delle migliori app per le previsioni meteo, disponibile sia la versione per ios (iphone ed ipad) che la versione per android.

Una delle caratteristiche principali è lermettere di avere tutta la situazione, giornaliera e settimanale sotto controllo in un solo colpo d’occhio.

Molte le personalizzazione e la versione pro viene via con circa 3 euro a seconda dello store, non serve inoltre fare abbonamenti, comunque previsti, in quanto aggiungono solo un’aggiornamento ogni 5 minuti piuttosto che ogni 15.

Vediamolo nel dettaglio nella videorecensione.

Fallkniven F1 pilot

Fallkniven F1 pilot

Come non parlare del Fallkniven F1 , sicuramente uno dei coltelli più conosciuti dagli appassionati, ed è tra quelli a lama inox tra i miei preferiti, possiamo dire che la scelta azzeccata è stata quella di utilizzare un acciaio giapponese San Mai in VG10, compost da una dura lastra centrale e due lastre ai fianchi più morbide ed elastiche, un sandwich di acciaio. Questo non solo lo rende duro ed elastico al tempo stesso, ma adatto ad essere utilizzato in zone dove le temperature sono estremamente rigide, senza che la lama si fratturi.

Il connubio acciaio e geometrie ha funzionato così bene da divenire il coltello di elezione per i piloti di vari eserciti, con S1 invece Fallkniven ha tentato di entrare nelle forze di elite USA, con poco successo, nel senso che la lama, ha trovato il favore di alcuni corpi che lo hanno addottato non ufficialmente, ma il manico in thermorium , se usato in zone molto calde e sabbiose ripo Iraq o Afganistan, tende a scollare sul perimetro del colletto tra lama e codolo, facendo infiltrare umidità e sabbia, che a lungo andare corrodono e corrompono anche il San Mai VG10.

È stata creata la versione pro che oltre che avere la lama in 3G ancora più resistente alla corrosione e dura al filo, ha un colletto in acciaio che protegge dallo scollamente.

Vorrei sottolineare che per le nostre latitudini ed in Europa in genere la versione normale  è più che adeguata, anche per il rapporto prezzo prestazioni, prezzo che nel pro raddoppia.

Le misura sono :……..e qui nasce una controversia, tra lunghezza della lama al filo e lunghezza totale, che varia da 95 mm.  a 105 mm. Io solitamente calcolo il filo cioè la parte della lama che taglia e quindi 9,5 centimetri, tra colletto e manico arriviamo a 21 cm. Per dire la confusione che a volte si crea sulle caratteristiche tecniche lunghezza della lama, due coltellerie on line danno una 10,5 cm un altra 9,7 cm. Ovviamente un’inezia ma è giusto precisare per gli amanti dei dati tecnici puri. Il peso totale è di 150 grammi. Viene fornito in die dotazioni diverse una con fodero in cuoio ed un’altra con il caratteristico fodero in plastica, li trovo entrambi scomodi , un fodero in kydex con teck lock sarebbe stato ottimo per il tipo di coltello, che viste le forme ben si adatta ad essere portato orrizontalmnte in cintura.

Un’altra controversia tecnica riguarda il codolo, chi l cmsidera nascosto (hidden) chi intero ecc. in realtà è un full tang con un leggero restringimento del codolo dal tallone della lama alla fine che fuoriesce dal manico, per essere utilizzato come rompivetro o martello. Per meglio capire vi propongo la foto del mio primo F1 che ho rimanicato in bambù, così si può vedere il codolo cm’è in realtà.

Chiarisco queste cose perché sis a chi piace sia a chi no, il Fallkniven F1 è uno dei coltelli entrati nella storia di collezzionisti ed appassionati ed è uno tra i più discussi.

A mio modesto parere dal bisello convesso al tipo di acciaio, che si riaffila facilmente e tiene bene il filo, alle geometrie è stata sfiorata la perfezione per il tipo di utilizzo, un difetto? Si il manico, che è comodo ed adeguato nell’utilizzo, ma che appunto nel tempo potrebbe scollare leggermente al colletto e creare infiltrazioni. Per tutto il resto acquistatelo e usatelo , avrete grandi soddisfazioni.