Wander Tactical Raptor

Wander Tactical Raptor

Adoro l’acciaio San Mai sia esso Vg10 che Cos, tanto quanto il 1095 di Tops ed Esee, perché adeguatamente trattati termicamente, sono entrambi acciai che tengono bene il filo, si riaffilano facilmente e velocemente, sono duri ma allo stesso tempo flessibili, il San Mai è anche inox il che non guasta.

Parliamo ora del Wander Tactical Raptor, ed esattamente della sua versione in San Mai Cos, perché esistono due versioni, quella in D2 e quella in San Mai, che al momento è fuori produzione, ma che dovrebbe tornare in produzione .

Il Raptor viene venduto come neck knife, anche se è un vero e proprio coltello, ha una impugnatura scheletrata e avvolta dal paracord, cosa che gli conferisce un aspetto combat o military, ma che lo rende scomodo all’utilizzo, il paracord è scomodo, per quanto ben tirato in posizione, tende a muoversi e inoltre trattiene lo sporco e l’umido. E questo è un difetto a mio parere, potevano mettere in confezione un paio di guancette in micarta o g10 , permettendo all’utente di scegliere come rivestire il codolo del manico.

Personalmente l’ho tolto, ho zeppato la scheletratura con della resina e avvolto il manico con un nastro impermeabile antiscivolo, si può fare con il cuoio, più bello a vedersi ma non altrettanto impermeabile.

Il raptor ha una lama di 8 cm. ed è lungo in totale 17,5 cm, lo spessore di 6,5 mm. Lo rende indistruttibile ma è il secondo dei difetti allo stesso tempo, un ecessivo spessore sopra il bisello della lama obbliga a ruotare il polso per affondarla bene nel legno, altrimenti il legno sbatte sulla faccia”sabre” e fa scivolare la lama, mentre la parte bisellata penetra bene sia nel legno che nel cibo.

In fondo al codolo c’è un foro esagonale, che oltre a servire per il laccio da polso o per il paracord, ha la misura per poter inserire ed avvitare gli inserti standard degli avvitatori sia manuali che elettrici.

Sul dorso della lama c’è uno scanso che permette una presa avanzata e un ottima gestione del taglio.

Il Raptor, può essere portato anche in orrizontale in cintura come al collo, permettendone l’occultamento per difesa, è sopratutto un attrezzo massiccio ed indistruttibile, nonostante questa caratteristica taglia benissimo anche cibi e sostanze dove serve accuratezza e affilatura a rasoio. Il peso di 175 grammi assieme alle dimensioni lo rende portabile anche in tasca.

Devo dire che i Wander Tactical si sono molto avvicinati al coltello edc perfetto nel multiruolo, fatti salvi i due difetti elencati che non ne inficiano l’utilizzo ma in certe circostanze lo rendono meno comodo o meno efficace di quello che potrebbe essere.

Ciò detto se volete un edc, massiccio ed affidabile compratelo e ve ne innamorerete, ma sappiate che poi cercherete ogni scusa ed occasione per usarlo.

Vantage calendar per ios

Vantage calendar per ios

La videorecensione di oggi riguarda Vantage un calendario”particolare” per iPhone ed iPad, e per tutti i device ios, la cosa che colpisce subito è la sua interfaccia, una delle migliori per dispositivi mobili.

Possiamo avere con uno slide a sinistra la visualizzazione settimanale, ove basta tenere premuto un appuntamento un paio di secondi e quindi spostarlo in una nuova data od ora, senza scrivere nulla.

Con uno slide a destra invece accediamo alla to do list che è si cronizzata come il calendario ai promemoria di ios.

Sicuramente una app innovativa, conosciamola meglio nella videorecensione:

La peará, videoricetta

La peará, videoricetta

Una salsa molto usata in Veneto e in particolare nel veronese, si sccomoagna con il bollito di carne, con il cotechino e lo zampone, ma anche con la carne alla brave o al forno, nel tempo sono nate diverse varianti, e ogni famiglia ha la sua ricetta ma la base è sempre quella, midollo di bovino, brodo di carne, oane grattuggiato, burro od olio, sale qb, pepe qb.

Tops Scandi Trekker

Tops Scandi Trekker

Se siete alla ricerca di un coltello a lama fissa, multi uso, tascabile ma allo stesso tempo con misure adeguate a ogni lavoro sia nel bosco che in cucina, provate lo Scandi Trekker della Tops e certamente troverete quello che fa per voi.

Un coltello così versatile e ben progettato tanto da suscitare entusiasmo da chiunque lo abbia provato, anche perché inizialmente la sua forma affusolata lo fa sembrere più piccolo di quello che realmente è , così da tendere a considerarlo più un neck knife che un vero coltello da poter utilizzare come unica lama in uscita o per l’utilizzo quotidiano.

In realtà dimensioni e peso sono ben equilibrati, inoltre il manico è perfettamente ergonomico, sia che si abbiano mani grandi che mani piccole, frutto di un gran lavoro di studio per forme e geometrie.

Lo Scandi Trekker è un full tang, con una lunghezza totale di 19,6 cm. ed una lama lunga 9,6 cm( quindi quanto un buon coltello medio da campo) è interamente costruito in acciaio al carbonio 1095, temprato con sistema criogenico, al solito come tradizione della TOPS è tecnicamente ben costruito. Le guancette sono in micarta grigio/verde con il tipo di grana anti scivolo che è tipica delle guancette dei TOPS.


Lo spessore della lama è di 3 millimetri e sul dorso perspicenti al manico ha delle tacche che aiutano la presa del pollice durante l’utilizzo, verso la fine del manico è presente il foro per il laccetto di sicurezza o il paracord. Ma quello che rende particolare questo coltello oltre alle caratteristiche già scritte è il profilo scandi con microbisello che gli conferisce un’ottima penetrabilità di taglio in ogni materiale, dal legno al cibo, al tessuto, alla plastica. Fornendogli non solo caratteristiche da intaglio ma anche da taglio puro.

Utilizzarlo è divertimento puro, si impugna bene in qualsiasi presa, la gestione del taglio è precisa in ogni frangente, e nonostante la lunghezza sia di circa 20 centimetri, si può tenerlo in tasca come un folder con la lama in sicurezza nel suo fodero in pelle.

Insomma è difficile trovargli un difetto, certo gli amanti a tutti i costi dei coltelloni con lame da 15/20 cm. potrebbero obiettate, ma lo Scandi Trekker non teme nulla, ho aperto barattoli di latta, tagliato ed intagliato noce e castagno, trattato cibo di ogni tipo, tagliato cordame vario, tessuto e plastica, financo rifinito il lamellare da posare come pavimento, ed in ogni occasione non ha mai tradito, il filo tiene bene ed a lungo e come tutti i carboniosi TOPS si riaffila facilmente, provatelo, ma con lo Scandi Trekker ed una piccola accetta potete affrontare qualsiasi impegno di buschcraft o di sopravvivenza, garantito.

Esiste la vita dopo la morte?

Esiste la vita dopo la morte?

3 video, 3 riflessioni, antropologica, scientifica e religiosa, iniziano ad esserci delle certezze, manca ancora la possibilità di definire la prova regina dal punto di vista scientifico ma le prime ricerche fanno ben sperare!