Letto con i pallet fai da te

Letto con i pallet fai da te

Era tempo che ci pensavo e finalmente durante l’inverno ho compiuto l’opera, debbo dire che come tempo di lavorazione totale 8 ore divise in due giorni , un primo giorno per la verniciatura del gel ed un secondo giorno per l’assemblaggio. Di cosa sto parlando? Ma del mio nuovissimo letto matrimoniale costruito con i pallet e per la precisione con e-pallet, a standard europeo.

Il recupero e riutilizzo dei pallet è economico e può dare molte soddisfazioni, bisogna fare attenzione ad alcune regole basilari, ci sono pallet di misure diverse e nati per scopi diversi, assicuratevi per il vostro progetto di usare pallet della stessa misura e natura, ci sono pallet grezzi, ed altri più rifiniti, che quindi comportano meno lavoro, li trovate presso ipermercati e/o discariche, in momenti di crisi sono meno reperibili perchè la gente li usa nelle stufe a legna, solitamente nei supermercati sono ben felici di darveli gratuitamente altrimenti dovrebbero conferirli pagando una tassa nei centri ecologici, o farseli ritirare da ditte specializzate, se proprio non li trovate potrete comperarli presso ditte specializzate on line ne trovate molte, nel caso si trovano tra i 10 ed i 15 euro l’uno a seconda s esono trattati contro funghi ed insetti, sono comunque tutti passati al vapore quindi ben disinfettati.

Io  per il mio progetto mi sono procurato ben 6 e-pallet, che altro non sono che pallet standard europei, con le misura di 120 cm di lunghezza ed 80 cm di larghezza.

Ho acquistato dal ferramenta, 5 barre di acciaio filettate e 20 bulloni e ranelle sempre in acciaio e ben 12 ruote da “carrello” a dire il vero solo 6 che 6 le avevo in casa, le ruote sono facoltative, io ho preferito usarle per poter spostare il letto agevolmente quando si fanno le pulizie, inoltre mi hanno alzato ulteriormente il letto da terra, ma si possono usare dei feltri da mettere sotto il legno per fare scivolare il letto agevolmente sul pavimento , con un esborso di pochi euro si potrà comunque agevolmente spostare il letto durante le pulizie del pavimento.

barrabarre_filettate_tagliate_a_misura

Visto che gli e-pallet sono già trattati al vapore, si possono usare subito, se invece li recuperate da aziende o discariche conviene verniciarli, io ho verniciato le parti dove poggia il materasso e e le testiere con un gel all’acqua, ma si può usare un impregnante, lasciandolo asciugare un paio di giorni all’aria aperta per sicurezza. Attenzione ad usare i prodotti per evitare allergie, poi ci si dorme sopra e si è a costante contatto, si può usare anche una vernice all’acqua, colorata, bianca, o di altro colore, io uso quella della Rechello ma ci sono altre buone marche in commercio.

verniciatura epallet

 

verniciatura epallet2

 

 

Bene una volta che i nostri pallet sono asciutti, si può cominciare ad assemblare il nostro nuovo letto, anche se i pallet non sono pesantissimo, fatevi aiutare che sono ingombranti, l’assemblaggio va eseguito nella stanza in cui va posto il letto, altrimenti poi non passa dalla porta una volta assemblato, e tocca smontarlo.

Ho quindi disposto i pallet a gambe all’aria mettendone due per il lungo e due per il largo come negli schemi che ho disegnato qui sotto.

schema assemblaggio letto w

 

 

schema assemblaggio letto 2w

 

Questa disposizione per avere ai lati uno spazio che funge da comodino, si ottiene così un letto di misure standard, di 160 cm di larghezza e 200 cm di lunghezza.

Ho visto in rete(internet)  chi , molto più pigro del sottoscritto si limita a disporre a terra i pallet, posizionarvi sopra il materasso ed i cuscini ed il letto è velocemente pronto, si può fare anche così, io mi sono inventato questo progettino più complesso per avere un letto più versatile e comodo.

Una volta posizionati i pallet ho provveduto con il trapano a forare i blocchetti (zoccoli) di legno di supporto delle “gambe” dei pallet con una punta da legno dell’8 , anche se le barrette filettate sono del 6 ho preferito avere un pò di gioco perchè i pallet non sono perfetti e si fatica ad inserire le barre, barre che poi con un seghetto da ferro ho tagliato a misura, quindi ho messo ranella e bullone ad ogni estremità ed ho avvitato, o poi avvitato le ruote facoltativo, altro consiglio se non avete spazio per girare il letto una volta assemblato, assemblatelo in altezza e non steso al suolo, perchè poi va girato.

letto epallet sotto 2

 

letto epallet sotto 1

 

letto epallet sotto 3

 

particolare bullone

 

Bene una volta assemblato e posato a terra o girato, a seconda della posizione in cui lo avete assemblato, posatevi un vecchio lenzuolo pulito od una coperta e sopra il materasso, quindi allestite il vostro nuovo letto, che sopporterà anche i salti dei bimbi sul letto  e/o le vostre “peripezie” notturne, visto che un e-pallet sopporta fino a 3500  kg di peso e qui ne abbiamo ben 4 a sostenerci, la schiena sarà adeguatamente supportata, anche se in un primo momento vi sembrerà il letto più rigido in confronto alle doghe in legno più che sono più flessibili.

letto finito senza testiera

 

L’opera finita, bello vero? Ma i due pallet in più che ne hai fatto? Mi chiederete…….li ho uniti ed ho fatto la testiera come potete vedere qui sotto, si potrà poi imbottire o aggiungere dei cuscini verticali alla testiera e del vetro o plexiglas sui comodini, a piacere, ed ora buon riposoooo !!!!

Letto finito 2

 

letto finito1

 

Peperonata

Peperonata

La peperonata è un piatto tipico e regionale, infatti la sua ricetta è interpretata in notevoli varianti a secondo della regione in cui si vive, io vi propongo la mia, buona visione e buon appetito!

Scaloppine al vino Bianco

Scaloppine al vino Bianco

Scaloppine al vino bianco, ovviamente una mia interpretazione che permette una preparazione veloce e con pochi e semplici ingredienti, fettine di carne a scelta, (generalmente vitello o manzo ma io le faccio anche con i petti di pollo o fesa di maiale), farina qb., burro qb., e vino bianco un bicchiere, buona visione e buon appetito !

Frittelle vegan, ma non troppo.

Frittelle vegan, ma non troppo.

Frittelle fatte senza utilizzare le uova, volendo anche senza il latte per un vero vegano, ma per chi le vuole semplicemente più “leggere” un pò di latte nell’impasto lo si può aggiungere. Buona visione e buon appetito.

Caramelle di Zucchero al limone  – ricetta

Caramelle di Zucchero al limone – ricetta

Una ricetta semplice veloce , genuina e buona per grandi e bambini, viene la bella stagione, ma fa comunque piacere dopo pranzo o a piacere  mangiare qualcosa di dolce, la cioccolata ed i cioccolatini nella stagione calda sarebbe meglio evitarli , quindi una bella caramella, invece di comprarle, e di ingozzarsi di coloranti,adittivi,conservanti,addensanti, facciamole a casa, le caramelle di zucchero sono semplici e veloci, bisogna solo stare attenti a quando lo zucchero comincia ad imbrunire ,  si possono poi insaporire con molteplici gusti naturali, addirittura, caramellare i fiori.

La base è identica in ogni circostanza, le dosi facili da ricordare, mezzo chilogrammo di zucchero, mezzo bicchiere d’acqua, e nel caso delle caramelle al limone, un limone, con buccia naturale edibile, controllate quando li acquistate, che la maggioranza hanno la famosa cera sulla buccia, non commestibile e nociva.

Utilizzate una casseruola alta, in quanto quando lo zucchero raggiungerà la temperatura ideale tenderà a schiumare ed a fuoriuscire, versatevi lo zucchero, e quindi il mezzo bicchiere di acqua, accendete il fuoco sotto la padella.

 

caramelle5

caramelle3

 

mescolate piano piano, un’altra tecnica fino a che diciamo lo zucchero non arriva ad ebollizione è scuotere la pentola avanti ed indietro, tenete la fiamma a mezzo o bassa dopo i primi 5 minuti se non avete la”mano” od è la prima volta che le fate, fino a che lo zucchero sale di temperatura, spremete nella casseruola il succo del limone, e gratuggiate la buccia , sempre nella casseruola e mescolate, ancora pochi minuti e vedrete che lo zucchero tende a schiumare ed alzarsi nella casseruola, iniziate a mescolare con ritmo, quando inizia a scurire lo zucchero ad indorare, versatelo su un ripiano che avrete unto con un goccino di olio di oliva, o su della carta forno od in una pirofila o altro contenitore a piacere, generalmente che lo zucchero non abbia uno spessore maggiore di un cm.

caramelle6

 

appena inizia a rapprendere con un coltello od una spatola tracciate dei solchi per poter poi una volta indurito spezzare la lastra ottenuta in caramelle quadrate.

Io personalmente le preferisco grezze e le rompo nelle svariate forme, a casaccio, ma ogni uno può dare la forma che preferisce o versare lo zucchero nelle apposite formine di silicone

.caramelle4

Posso assicurarvi che sono buone, e rinfrescanti, ed inoltre assolutamente naturali , senza addittivi e conservanti, mettetele in un contenitore o nello stesso sacchetto dello zucchero si conservano bene per parecchi giorni, mi raccomando in un luogo fresco, se no con il passare dei giorni tenderanno ad appiccicarsi.

Visto che le ho fatte ora me ne gusto una, buon appetito!!

caramelle2

 

 

Pizza croccante

Pizza croccante

Una ricetta semplice per fare la pizza croccante, la ricetta è per un kg di farina solitamente 6/8 persone, tirandola basa si riescono a fare 4 bande (o teglie) da forno di casa o anche 6 , dipende dallo spessore che si vuole ottenere, per un kg di farina due buste di lievito di birra  o se volete usare quello fresco due cubetti, mezzo cucchiaio di sale un cucchiaino di zucchero, salsa di pomodoro quanto basta e anche qui varia a seconda dei gusti, mozzarelle 4 o 6 e anche qui va in base poi a come la si vuole farcita e/o se si farcisce anche con altro, ad esempio tonnno e cipolla, funghi, peperoni, melanzane ecc. Vediamo la base, cioè la margherita , bassa e croccante.