Vivere in punta di piedi, cura naturalmente e mantiene in forma

Vivere in punta di piedi, cura naturalmente e mantiene in forma

A primo acchito sembrerebbe uno slogan, come dire vivere senza fare rumore od importunare il meno possibile, invece il significato espresso nel titolo è proprio quello letterale, cioè vivere in punta di piedi, aiuta a vivere meglio e cura alcune patologie, rende più forti e più in forma.

Prima di procedere oltre, osserviamo cosa succede in natura, se osservate gli animali terrestri, noterete che tutti , quando si muovono e corrono poggiano solo le punte dei piedi, gli ungulati poi, cioè tutti gli animali con gli zoccoli, praticamente corrono in punta di dita, gli animali che utilizzano di più la superficie del piede sono i plantigradi di cui fanno parte gli orsi e gli esserei umani.

Ci sono dei ma e dei se, non voglio qui sciorinare un trattato di biologia e biomeccanica umana ed animale, ma vi propongo un discorso logico, innanzitutto contrariamente a quello che si pensa o che molti propinano, le varie specie di orso in generale non poggiano l’intero piede ma solo i due terzi,piede orso

Possiamo infatti notare nell’orma riprodotta nel fango, che il tallone non risulta, e viene usato solo e generalmente quando l’animale è fermo o si alza sulle due zampe .

BarenspurP1050395

 

Quindi l’uomo resta l’unico plantigrado che poggia il tallone per terra sempre.

Ma anche questo non è corretto, se guardate gli atleti che corrono , noterete che corrono sulle punte e che non poggiano mai il tallone per terra.

Riassumendo in natura esistono tra gli animali terrestri 3 categorie di locomozione ed in base a quelle la suddivisione è

Plantigradi, che poggiano la maggiore parte di superfice del piede al suolo, Digitigradi, che poggiano la punta del piede fino al massimo il 50% del piede stesso, infine gli Ungulati, che appoggiano le unghia delle dita dei piedi, solitamente fuse insieme a formare uno zoccolo unico o diviso in due o tre parti.

plantigradia, digitigradi

 

Altri se e ma arrivano osservando varie popolazioni mondiali, e generalmente popolazioni i cui avi recenti per soppravvivere dovevano scappare per non essere prede o rincorrere per cacciare, e che quindi la loro stessa esistenza dipendeva e dipende in parte anche oggi dai piedi e da come essi funzionano, due esempi le popolazioni keniote, abitanti il Kenya e i Tarahumana del Messico, dei quali si dice possano correre per giorni, ma molti altri popoli camminano non appoggiando il tallone per terra.

In-punta-di-piedi_257729111

Sento già stuoli di fisiatri, fisioterapisti, psicologi ecc. urlare lo scandalo, qui nessuno pretende di dare lezioni di fisiologia e biomeccanica umana, si chiede solo di fare quello che la scienza fa da secoli, osservare il mondo che ci circonda.

Studiando i popoli che non poggiano l’interezza del piede come facciamo noi occidentali si scopre che non soffrono di alcune patologie e di alcuni disturbi di cui noi ci lamentiamo, ad esempio lombalgie, disturbi intestinali, problemi a ginocchia ed anche ecc., come mai? Viene da supporre che il fatto di camminare sulle punte dei piedi o perlomeno su due terzi del piede senza poggiare il tallone, eviti che si soffra di queste patologie, e non solo aumenta la  potenza, rende il fisico più tonico ed asciutto, e come effetti collaterali, elimina la cellulite e rende più prestanti dal punto di vista sessuale.

camminare-piedi

Immagino che ora le grida e le prese in giro si sono moltiplicate e che anche voi lettori del mio blog iniziate a pensare che l’ho fatta fuori dal vaso, pensate che quando lessi un libro scoperto per caso on line la pensai subito come voi.

Allora vi pongo un quesito , tra voi lettori qualcuno conosce il metodo Bates? Se qualcuno lo conosce sa già che è un metodo per guarire dalla miopia e da altri difetti visivi, non attraverso la chirurgia ma con esercizi , metodo subito contestatissimo, ma poi piano piano accreditato, certo non è la panacea di ogni difetto visivo ma funziona in molti casi.

Quindi perchè non possono esserci altri sistemi che attivano od equilibriano il nostro corpo come succede agli animali in natura, evitando o guarendo patologie ?

Fra le altre cose non è vero che questi sistemi non sono conosciuti a livello di studi, è che non possono essere diffusi, perchè le case farmaceutiche che propinano miliardi di euro all’anno di antidolorifici, infiltrazioni, anticellulite ecc. sono delle potenze mondiali e non possono permettersi di perdere il loro business a favore di una naturale salute collettiva.

Vi faccio un esempio da qualche tempo sono uscite di moda le scarpe shape ups, quelle con la suola a dondolo, che servono per rassodare i glutei camminando o facendo sport, inoltre il mercato propone ciabatte tipo le crocks sempre shape ups, questa scarpe e queste ciabatte origina da studi fatti proprio sulle popolazioni e posture che non implicano l’appoggio del tallone per terra quando camminiamo.

 

4005e9b268509d929cdecefe9a6847a4460271613_o

crockshapeupscarpe-skechers-shape-ups-wmn-11800ewwsl-white_1277528

Questo tipo di calzature, costano anche belle cifrette, sopratutto se sono di marca ed efficaci , quindi potete capire che questo fatto che camminare sulle punte dei piedi non è un’idea ridicola, ma il modo in cui dovremmo veramente camminare.

Come dicevo il camminare sulle punte dei piedi aiuta a risolvere problemi di lombalgie, di ernie, rassoda glutei e gambe, rassoda la pancia, fa andare via la cellulite, senza bisogno di creme o di pozioni, certo non è semplice cambiare la propria abitudine di vita come il camminare, ma c’è un sistema semplice, lo si deve a Gustavo Guglielmotti, un signore che dopo aver avuto un ernia operata con recidiva ed un’altra ernia, ha sperimentato su se stesso questa tecnica, scoprendone anche i benefici effetti collaterali , come la sparizione della cellulite, il rassodamento dei glutei e ‘aumento di energia sessuale, inoltre Gustavo diffonde le sue tecniche praticamente gratuitamente, ha poi scritto dei manuali che costano tutti sotto i 10 euro che chi vuole può prendere per approfondire alcune tecniche, ed ogni manuale ne regala un’altro su un tema diverso, si perchè da quel momento Gustavo ha iniziato a sperimentare su se stesso metodi di piccole ginnastiche o movimenti o altre tecniche semplici che si possono fare ovunque in pochi minuti per risolvere altre problematiche come la miopia, il bello è che semplicemente leggendo i suoi blog potete provare senza alcuna spesa su voi stessi le tecniche e una volta che vi accorgerete dei risultati reali  se lo riterrete giusto acquisterete uno di questi manuali  per gratificare chi ha speso tempo e risorse per diffondere tecniche di benessere utili a tutti, provare per credere.

 

Vi posto qui il link al blog che può molto interessare le donne che vogliono sbarazzarsi della cellulite ed avere glutei sodi e gambe snelle gratuitamente.   http://addiocellulite.blogspot.it/

 

Una curiosità finale avete mai notato che nelle antiche statue romane e greche i soggetti sono sempre in punta di piedi?

dancer

Ebe-Museo-di-San-Domenico-Forlì